Scrivere un CV efficace con Steps

Scrivere un CV efficace con Steps

20

Un recruiter impiega circa 31 secondi per analizzare un cv.

I contenuti devono essere sintetici e ben organizzati, con una grafica chiara e di immediata comprensione, così da sfruttare al massimo il poco tempo a disposizione. 

Segui questi step per scrivere un cv efficace ed essere ricontattato dalle aziende!

La Job description

Esamina con attenzione la job description ed inserisci le parole chiave, come le caratteristiche della figura ricercata, oppure le competenze che corrispondono a quelle ricercate dall’azienda così, se dovessero utilizzare l’intelligenza artificiale per scremare i candidati, sarai sicuro di venire selezionato. 

Ricorda di personalizzare il cv ed adattarlo ad ogni posizione lavorativa per cui ti candidi, aumenti le possibilità di venire preso in considerazione, e rispondi alle esigenze dell’azienda.

 

Il layout di un cv efficace 

Inserisci le informazioni in ordine cronologico, utilizza i grassetti per evidenziare le parole chiave, elenchi puntati, lascia spazi bianchi ad esempio saltando una riga per agevolare la lettura e permettere al recruiter di trovare subito le informazioni. 

Rispetta l’ordine delle informazioni da inserire, la struttura deve essere chiara: 

  • Informazioni personali: nome, cognome
  • Informazioni di contatto: cellulare, email, profilo LinkedIn 
  • Esperienza professionale
  • Istruzione 
  • Competenze linguistiche 
  • Soft skills 
  • Passioni ed interessi

 

I template personalizzabili sono utilissimi, ti basterà seguire la traccia e aggiungere le tue informazioni personali. Eccone qua un esempio.

Canva ha tantissime proposte, ti basterà cercare quello che più si addice alla posizione lavorativa e alla tua personalità. 

 

Esperienza professionale

Ricorda di menzionare le esperienze lavorative in ordine cronologico, dalla più recente alla più datata. Devono essere pertinenti al ruolo per cui ti stai candidando, rimuovi quelle esperienze che vanno fuori dal campo dell’azienda o che sono prive di contesto. 

Per ogni esperienza lavorativa è importante menzionare il nome dell’azienda, il tuo ruolo, mettendo in risalto le mansioni principali, le responsabilità ricoperte, gli obiettivi raggiunti e le competenze maturate nel cordo dell’esperienza, la data di inizio e di fine. 

Ricorda che le esperienze di volontariato contano come esperienza lavorativa, specialmente se stai ancora studiando o stai cercando il tuo primo impiego. Vengono valutate in fase di recruiting perché permettono di farsi un’idea sulle task che conosci già e sai già svolgere in autonomia e quali no. 

 

Istruzione

Il percorso formativo segue la stessa logica dell’esperienza lavorativa; ordine cronologico, dal più recente andando indietro nel tempo, mettendo in risalto il titolo di studio più alto conseguito. Inserisci attraverso elenchi puntati le hard skills e le materie professionalizzanti del tuo corso di laurea. Se hai seguito corsi extracurricolari o seminari, ricordati di inserirli spiegandone brevemente il contenuto. Il voto di laurea è importante solo per punteggi vicini al massimo. 

Ogni informazione aggiuntiva sulle nostre hard skills, arricchisce la nostra professionalità agli occhi del recruiter – che sia un training, una certificazione ottenuta tramite un corso online. 

 

Competenze linguistiche

Dai visibilità alle lingue che conosci, evidenzia come tu le sappia padroneggiare nei vari contesti del mondo del lavoro!

Inserisci la lingua ed il livello. Se l’azienda è interessata per queste tue competenze, durante il colloquio ti metteranno alla prova, chiedendoti ad esempio, di sostenere parte del colloquio in quella lingua. Perciò se hai qualche certificazione che attesti il tuo livello, menzionala inserendo data e nome del documento. Ricordati però che ti chiederanno di dimostrare queste competenze, quindi la certificazione, se non espressamente richiesta nella job description, non è necessaria. 

 

Soft skills

Le soft skills sono quelle competenze che ci rendono unici, includono il nostro modo di porci, di interagire con le persone, come reagiamo di fronte ai problemi. 

Ecco una spiegazione delle skills richieste nel mondo del lavoro, e da dove potrai prendere spunto per arricchire il tuo cv. 

Ricorda di motivare ogni soft skill con qualche esempio per permettere al recruiter di farsi un’idea precisa sulla tua personalità. 

 

Passioni ed interessi

Le tue passioni raccontano cosa ti spinge ad alzarti la mattina, quali attività ti fanno perdere la cognizione del tempo e per cosa saresti disposto a fare dei sacrifici. 

Potresti trovarti nella situazione di esserti laureato in una materia diversa dai tuoi interessi ed essere selezionato per un lavoro relativo con questi ultimi perché hai acquisito in maniera autonoma tutte le competenze necessarie per quella posizione

Al contrario, chi ha studiato qualcosa che non rientra nelle sue corde, potrebbe sentire di più il peso di quelle mansioni, mentre tu no. 

Ricorda però di soppesare bene questo punto del cv: inseriscile solo se ritieni che siano pertinenti per la posizione per cui ti candidi o pensi che possano arricchire la candidatura. 

 

 

Per questo e altri articoli sul mondo del lavoro, continua a seguire il blog di Steps!

community

Incontra persone con i tuoi interessi, entra nella Community